Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#wreckage-1


Le pietre calzanti

di carovane

in viaggio

sottindendevano

la variabile piovana

d’intersezione soffiata

fra i rovi

agitati di Grecale,

roccaforte in battere e levare

dei nostri solstizi magmatici.

 

Crespature rifrangevano

lo scrigno di un volto,

sale che leviga

le bruciature

sollevate dallo spruzzo

d’eterno fiorir,

sbiadita sensazione di menta

accatastata

tra le facezie del sospinto

assente.

 

Frattanto un frastuono

di memoria a guazzo

intarsiata

dimorò

sull’insipida recinzione

ove solevo volgere

il respiro filtrato

nelle interminabili ore

di luce soffusa.

 

Impossibilitata da catene

di futilità

mirai l’angolazione complice

impressa su alte pareti,

sino all’istante rappreso

d’inquietitudini lignee,

pressante esposizione lunare

o convinzione di travagliate

appartenenze,

sedando il coraggio

su pallide flebili

speranze,

rimase l’irraggiungibile verità

schiacciata da volatili

illusorie moribonde

menzogne

giunte nei luoghi del non senso.

Fantasmi.

Comments are closed.