Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#46


Mia lontana amata terra,

un vasto oceano ammonisce

l’ingratitudine dei miei giorni.

Mia ricchezza di valorosa gente

e venti di libertà.

Spirano sete di passi

leggiadri su ninfee

di bianco tocco,

in acque fisse

immobili

di inverni sconosciuti.

Muta sopraffazione

di isolate creature,

piccole nel volo

librato, ardite

piroette e riconoscenti

inchini arruffati.

 

Oh, Ontario.

terza dimora,

impronta di bosco

a piedi nudi.

Passeggiate notturne

oltre i recinti

delle nostre stanze.

 

Cosa significhi questa ombra,

macchia impressa

nell’anima desolata.

Comments are closed.