Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#78


Fluide carovane dei sensi

fra carsi aridi e rossi

striati di brulle pietre

vacillano al calzar

di maschere ricamate.

Attendono dragoni

dal destino caducifoglie

di religiosa attesa,

impera la morsa

del sopraggiungere

di spazi senza voce,

richiami non uditi,

profondi abissi

un tempo vicinanze.

La baia della memoria

perpetua dissapori e fratture

cullati da divina maestosa

amorevolezza.

 

Candidi abbracci

tramutati in dita

giunte, leggere, mute.

Precipito di vertigine,

mi dimeno nella strettoia.

Responsabilmente spettatrice.

Un libro posato sulla nostalgia

di meraviglie che non vedrò.

Sfiorami. Un passo alla volta.

Fino alle labbra.

Comments are closed.