Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#thewindtoldme-2


Sulla scia

di contorni proibiti

immersi in simboliche

frequentazioni ardite,

mi dilettavo

in inquietudini

dense del tuo respiro

d’agrumi.

Persino le forme

tentarono

il fatal sìbilo,

briglie da cui

irridono

labili verità

per restituire

il profondo riflesso

al provvisorio.

 

Proseguii assottigliata

da una miriade

di presupposti concitati,

velature scostanti

nelle colline

impregnate

di luce diafana,

oh prediletto

che sa prendersi

grazia.

Al grande incontro

con il passato,

l’invisibile

si diede al visibile,

folgorato da ossequiosa

monumentalità,

d’aberrazioni

anguste

una zolletta

intimamente

diffondeva

sottili curve

alla tazza da té.

 

Tetti indaco

che staccano

dall’antica voce

del mare meridionale cobalto

e fogliame pezzato di rubino,

dialogavano

con l’immagine fluttuante

d’atavica purezza,

rannicchiata nei nostri ricordi.

Comments are closed.