Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#34


Rotolano macigni

sui sensi assopiti

abbandonati alla solenne

rassegna del circense

nonsenso

vestito di festa.

Ripetute angolazioni

di perenni iceberg

disciolti,

il caro prezzo

di aver sfiorato

l’essenza della vera

amabile tenerezza.

Lame stregate

da una brezza marina,

rivolsi il viso a cercare

la freschezza di una delicata

pioggerellina.

Scivolano via. Gocce.

 

Siamo che semplici

codici genetici

di attimi animaleschi.

Moltitudini a non

aver compreso

l’amorevole crescita,

piombi che ammutoliscono

amare connessioni

d’infanzie mai nate.

Di nuovo il brillìo scostante

di glaciali stanze

ed erranti silenzi.

Tempi infiniti

disattesi.

Inaccettabile scambio.

Comments are closed.