Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#liveness-3


Ti persi nel corso

bizzarro

accennato di sanguigna

e grafite,

solitario amore

nel vagabondo

immaginario

affollato di stelle

e disgiunzioni

dolenti di materia

artefatta,

azzurra corallo bianca.

Inconsuete passioni

di perfette composizioni,

il tramonto ci avvolse

sorretto da iperboli

mancate

e dita sfiorate,

vigliacche.

 

Eleganza in punta di piedi,

campeggiava una velata

coscienza spirituale

carica

d’abbandoni

trascinati su vetri

e fragole,

noi intenti a dimenticare

dell’avidità

priva di contenuti.

 

Rimase polvere.

 

Amanti del mare

in pose cesellate,

transitorie imperfezioni

levigate in allusioni,

carnali,

quasi scompare

la cicatrice

agonizzante

di cupe verità

trasformate

in puro amore,

minute cornici

intessute di macchie

di colore

fra la pioggia d’ori

al tatto vellutata.

 

Il non finito nell’infinito,

disattende il nuovo giorno rifinito.

Familiare garbo cinse

la tua lucente ombra.

Comments are closed.