Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#5


E leggera mi posai

sul tuo amabile cuore.

Superba condizione

di altalenanti

allucinazioni.

 

Sintanto la via

si muti in carne

da giuoco

sprezzanti sinuose

dinamiche e catene.

Vortici sublimi

di danze esistenziali,

rimembranze di vicissitudini

dal copione già segnato

a ferro e ghiaccio

anch’egli fu fuoco.

In epoche recondite

di veri sentimenti

e placidi sguardi

vivi. La morte.

 

E chiesi ad un immobile

riflesso privo

di dimensionalità.

Sei, soltanto dovresti.

Neanche la tua immagine

si desta a comprensioni

umane. Rimbalzi

di riflessi forse

troveranno il caldo

feroce della vita.

 

La via é chiusa.

Comments are closed.