Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#cordage-1


Purpuree nottate

al pallore gitano

dieresis alati

di ricerche speziate,

sconsiderati

abbeverammo

le membra assopite

arrestandoci

alle origini della sorgente

di vita

per lenire le virtù

indifese.

 

Di soppiatto le radure

colmarono

la tempesta in agguato,

le ombre sul giaciglio

lievitarono in plumbei

riverberi d’acciaio

e stretto cordame

per non incomodare

la dipartita della libertà,

svenevoli chiazze

d’ossessionate remore

composte

in discrezioni recintate.

 

Il tempo rese

le verità convergenti

al confine dei cieli

ove la condensa

sulle vele dei sensi

risaliva

espandendosi fittamente

in fumose opacità,

esortasti incalzando

l’andatura trascinata

svuotata dello slancio

fecondo,

scariche elettromagnetiche

terse rumoreggianti

sulle labbra,

dove l’innocenza

prende coraggio

e s’ammala d’amor.

Comments are closed.