Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#allweneedislove-2


Il sidereo respiro

volgeva al tramonto,

sgretolando le unghie

in risalita dalla terra arida.

Perduti fra le tenebre

e vacillanti promesse,

il dado segnò

il corso inesorabile della veglia

su pianti remoti,

la via della dimora

in lacci di staccionate

ben strette.

Amore inarrivabile,

seduta da troppo

non sono che il tocco

di vette innevate

e attese lilla indaco

frettolose,

muoversi pazientemente

tra nebulose paludi,

in nodi acuti

duole l’amor.

Fantasmi e convinzioni,

tremo di grida

mentre tornanti

di luce salati

volteggiavan sulle gote.

 

Ahi mare,

di nuove partenze

mi feci grande,

di mete inascoltate

le conchiglie custodiranno

le nostre storie,

due amanti nudi

su dirupi capricciosi

e arcobaleni

fin sulla riva di lidi

al cospetto del Gran Giudizio,

che tutto può e nulla perdona.

Chissà a cosa siamo tenuti

nell’Infinito,

piuttosto che sfiorarsi

nelle spirali dell’Ideale,

cospirando plasmando

disperdendo.

Comments are closed.