Visual Alchemy

Maria Chiara Fagioli

#1


Intermittenze glaciali

nell’arido circo

di cadaveri viventi

che giacciono

di sordide veglie

al calar della vita.

 

Il cosmo dai contorni

fatalmente sbiaditi

accarezza le nostre

pelli dal passato

sapore di sabbie

di mari caldi

e spazi infiniti,

lo spirito abilmente

si ricongiunge all’armonia

della natura forma.

Alberi dalle radici

all’aere in un’unica

ciclica sinusoide,

moti perenni di antiche

usanze e leggi di natura

dal liquido fluire

lento e conciso.

Quali limiti imporre

dal nostro vile ego.

 

[A mio padre.]

Comments are closed.